martedì 21 agosto 2007

Sulle vie del Salento

Dal 4 all'11 agosto ho trascorso 7 meravigliosi giorni a Ostuni, concedendomi due brevi scampagnate in provincia di Lecce, a Otranto e a Torre Lapillo (dove hanno casa alcuni miei parenti).
Proprio in quest'ultimo viaggio, percorrendo in auto le strade interne che dalla superstrada SS613 portano al mar Ionio, un mio amico (che era al volante) ha notato che la qualità del fondo stradale diminuisce tragicamente, fino a diventare indecente, all'interno dei centri abitati, rispetto al buon asfalto che si trova invece sulle strade provinciali di collegamento tra un centro e l'altro. In particolare mi riferisco ai Comuni di Squinzano, Campi Salentina e Salice Salentino.

Questo problema si verifica semplicemente perchè dove iniziano i centro abitati, la manutenzione delle strade passa dall'ANAS ai Comuni in questione, come segnala un cartello all'ingresso di ogni paese.

Ma come è possibile che queste Amministrazioni comunali non riescano a garantire ai loro cittadini nemmeno un servizio basilare come quello della manutenzione delle arterie principali di comunicazione? E' possibile che siano davvero così poveri questi Comuni, dove la maggiornaza della popolazione possiede una seconda casa al mare (costruita abusivamente)? Perchè da vent'anni a questa parte questi paesi sembrano immobili, senza slancio verso il futuro, con le stesse case degli anni '80 ma solo più sbiadite e con l'intonaco scrostato? Perchè queste stupende terre si sono fermate in un medioevo moderno (se escludiamo i confusionari investimenti nel turismo)? Perchè il paesaggio urbano di questo scorcio di Italia è ridotto come in Kosovo (dove sono stato 2 anni fa)?
Leggendo alcuni documenti dei nuovi amministratori di Centrosinistra del Comune di Salice Salentino (come questo o questo) si intravede nelle loro parole una forte volontà di rinnovamento e di correttezza verso i cittadini. Mi auguro fortemente che anche molte altre amministrazioni pugliesi abbiano gli stessi propositi e mi auguro ancora di più che qualcosa possa realmente cambiare.

L'unica cosa che posso fare è avere speranza. Speranza che gli uomini del sud abbiano speranza nel futuro. In bocca al lupo e ricordatevi che l'unico modo di prevedere il futuro è quello di costruirlo.

0 commenti:

Posta un commento

Lascia la tua verità