domenica 27 gennaio 2008

La cultura dei fatti (2)

Questo è un post di supernicchia. E' un post per i reggiani e più in particolare per quelli che seguono le tendenze del mondo dell'informazione reggiana.





Premessa:
a Reggio Emilia ci sono 4 quotidiani (Gazzetta di Reggio, Resto del Carlino, Giornale di Reggio e Informazione di Reggio) e 2 tv private (TeleReggio e TeleTricolore). TeleTricolore e Informazione fanno parte dello stesso gruppo editoriale. Se volessimo classificarli, diremmo che il Giornale e TeleReggio sono amici dei poteri forti reggiani, la Gazzetta è timidamente filo-amministrazione, il Carlino è moderatamente ostile, il gruppo Informazione-TeleTricolore è antagonista ad ogni costo dell'amministrazione pubblica.



In un programma di Teletricolore in onda la settimana scorsa, quattro giornalisti del team Informazione-TeleTricolore hanno intrvistato il sindaco di Reggio Graziano Delrio, cercando in ogni modo di metterlo all'angolo.



Ad un certo punto Giovanni Mazzoni, direttore di TeleTricolore (figura piuttosto arrembante e arrogante, un po' sullo stile di Oscar Giannino e Maurizio Belpietro, per intendersi) accende una discussione sui parcheggi che mancano a Reggio Emilia, che più o meno è andata così:



(immaginatevi Mazzoni acido come Maurizio Belpietro e il sindaco che risponde con una tranquillità pari a quella di Giobbe)




Mazzoni: "Sindaco, perchè a Reggio non ci sono parcheggi attorno al centro storico, come invece ci sono a Parma?"

Delrio: "Vede, io da ricercatore universitario ho imparato a lavorare sui numeri, non sulle impressioni. Questa sua affermazione è figlia di una sua sensazione, che non rispecchia la verità. A Reggio, con il nuovo parcheggio aperto in via Pansa, abbiamo 5100 posti auto nei pressi del centro storico, mentre a Parma si ferma a 3500 posti. se ci pensa abbiamo i parcheggi in via Cecati, al Foro Boario, alla polveriera, in viale Europa dietro la stazione, in via Pansa e all'ex Caserma Zucchi".





Ecco, come dire, il Sindaco l'ha messa nel culo a questo Emilio Fede nostrano, che appena può, dalle colonne dei suoi editoriali spala tonnellate di letame su tutto e tutti senza il minimo costrutto.


E, nel mio piccolo, ci godo non poco.

2 commenti:

joshuavox ha detto...

Wow, ho letto con molto interesse questo post; a Parma abbiamo Gazzetta di Parma e Informazione di Parma (stesso gruppo editoriale di Informazione di Reggio).
La Gazzetta di Parma, insieme a TvParma, è solidamente attaccata agli industriali (basta leggere il consiglio direttivo di GdP, Barilla e company...), filo amministrazione (quindi io direi di destra, ma "loro" si definirebbero "moderati")... insomma, il classico giornale un po' snobbetto che non parla troppo dei problemi VERI della città.
TvParma non parliamone: lecchinaggio completo dell'amministrazione e delle sue opere.

Dall'altra parte l'Informazione mi sembra faccia la parte dell'antagonista, seppur moderata pure lei. Non lo definirei un giornale di sinistra, assolutamente, ma almeno riporta un'informazione (gioco di parole) più obiettiva e meno "patinata".
Non parlo di "èTv", che sarebbe l'emittente abbinata all'Informazione, perchè non la seguo mai.

Che l'Informazione, a Parma e a Reggio, vada "contro" il potere per partito preso? Che sia oltremodo critica, anche sfociando in atteggiamenti "belpietrani"?
Non so, comunque assolutamente interessante questo confronto Parma-Reggio.

E per la questione parcheggi Delrio ha pienamente ragione.
Ricordo ancora come qualche anno fa rimasi a bocca aperta nel mettere la macchina al Foro Boario, gratuitamente, e raggiungere il centro con un mezzo pubblico, gratuitamente.
A Parma abbiamo tanti scambiatori, è vero; le navette per il centro sono però tutte a pagamento, e l'alternativa agli scambiatori sono... nessuna, perchè le righe blu sono arrivate, in certi casi, a toccare la periferia estrema della città (la zona sud-est, più ricca e benestante, ne è un esempio).

Scusami per il commento chilometrico ma se c'è qualcosa che secondo me funziona a Reggio più che a Parma, sono i servizi; mentre la mia città bada più ai fiorellini sui ponti o all'eleganza dei bar in piazza.

Bugaz ha detto...

Con questo post volevo solo sottolineare che questi dell'Informazione sono dei gran urlatori e basta. Ma la loro è una posizione obbligata.
Il problema è che con 4 giornali a Reggio non c'è spazio per tutti, quindi questi si sono dovuti collocare su un segmento ben preciso, quello degli antagonisti oltranzisti.

A Parma invece penso possano essere preziosi, perchè il monopolio nel quale ha vissuto la vostra Gazzetta è obiettivamente irritante, sono riusciti addirittura a far fuori l'edizione locale del Resto del Carlino.

Tornando agli amici dell'Informazione, il problema è che la gente il più delle volte non ha gli strumenti per valutare la bontà dell'informazione (ma questi sono temi che vanno ben al di là dei confini provinciali...).

Ti assicuro che io stesso fino a quando non ho sentito il sindaco pensavo veramente che Parma fosse meglio servita di Reggio a livello di posti auto. Perchè l'opinione comune è che noi siamo la sorellastra brutta di Parma, e nessuno approfondisce.

Posta un commento

Lascia la tua verità