lunedì 24 marzo 2008

Un post moralista e illiberale contro i SUV

S.U.V. significa Sport Utility Vehicle.

La parola Sport sta ad indicare che se vuoi guidare tra coline, ruscelli e fango, probabilmente questa è la vettura che fa per te. Ma se hai queste necessità probabilmente avrai già un piccolo Suzuki Vitara con cui divertirti (il SUV poi si sporcherebbe).

La parola Utility spiega che se ti serve spazio per trasportare grondaie da due metri e mezzo, o se devi portare le bici dei bambini in vacanza, questo mezzo è particolarmente utile. Se usi di norma l’auto per queste cose, immagino che avrai già un Renault Kangoo (il SUV poi si rovinerebbe).

Se invece usi l’auto in città per andare al lavoro in ufficio o per andare a cena fuori con la famiglia, ti basta un’utilitaria, una berlina di lusso o un monovolume se proprio hai una famiglia numerosa.

Guidare un SUV in questi contesti comporta solamente:

- occupare una superficie maggiore di asfalto sia in marcia che in posteggio (tradotto significa più traffico e più difficoltà nel trovare parcheggio)

- consumare più carburante rispetto ad ogni altro modello (cioè più inquinamento, più spese per la sanità pubblica, conto più salato dal benzinaio e un contributo all’accelerazione del prezzo del petrolio)

Insomma, se hai un SUV rifletti e vergognati.

Per questo vorrei che venisse introdotto un mega-ultra-super bollo per i SUV (ben più pesante di questo) . Talmente alto da disincentivare l’acquisto e la vendita di massa di questi bisonti.

Quindici anni fa i nostri politici facevano pagare incredibilmente il superbollo a chi aveva l’auto a GPL, oggi sarebbe ora di cambiare rotta in maniera decisa, non solamente a chiacchiere.



E intanto le vendite di SUV volano anche nel 2007.




In Italia si sta male
Si sta bene si sta male
In Italia si sta male
Si sta meglio si sta peggio
Si sta bene anziche' no
In Italia c'è l'amore
Da quando nasce a quando muore
Se sei brutto o se sei bello
Se sei quasi sempre quello
Se sei ricco oppure no

(In Italia si sta bene – Paolo Rossi/Rino Gaetano)

0 commenti:

Posta un commento

Lascia la tua verità