venerdì 30 maggio 2008

Sconsigli per gli acquisti - Lancia Musa

Ecco 5 buoni motivi per non comprare "il monovolume compatto più venduto in Italia":

1. visuale posteriore è INESISTENTE. Il lunotto è minuscolo e soprattutto è posizionato troppo in alto. Se c'è un ostacolo a media altezza state sicuri di centrarlo. In caso di manovra in retromarcia, chiudere gli occhi e sperare.


2. La pedaliera. Che incubo! Il pedale dell'acceleratore e quello del freno sono praticamente attaccati l'uno all'altro. Chi ha un numero di scarpe superiore al 37 è sicuro che in fase di rilascio dell'acceleratore toccherà involontariamente il pedale del freno (fastidiosissimo!!!). Questa è la dimostrazione che la Musa è una macchina progettata da un branco di designer figehtte per autiste fighette. Inoltre hanno avuto la grande idea di fare un passaruote obliquo, giusto per non far stare troppo comodo il guidatore.

3. Visuale anteriore sui lati limitata. I montanti del parabrezza sono (inspiegabilmente) giganteschi e coprono un angolo di visuale troppo elevato.Difficilissimo uscire da un vicolo e sbirciare sui lati.

4. La colonna del cambio, che si erge nel mezzo dell'abitacolo, è enorme. Ergo occorre guidare con le gambucce stratte strette per non sbatterci contro (d'altronde è una macchina da fighette...).

5. Non danno in dotazione Carla Bruni insieme alla vetura. Peccato.

Comunque, se proprio decidete di comprare una macchina di questo tipo, consiglio la Fiat Idea. Il motore è lo stesso, la carrozzeria all'80% è la stessa (le producono in Polonia nello stesso stabilimento), è meno fighetta e, soprattutto, costa meno.

2 commenti:

joshuavox ha detto...

Mmmm l'Idea quanto mi piace... mi ha sempre dato l'idea (ahahah) di una ClasseA versione "sgaggia".
Vabbè forse il paragone non ci sta, però mi piace molto.

La Musa, come la Y, è ASSOLUTAMENTE una macchina da fighette; c'è proprio scritto sul libretto di istruzioni.

Bugaz ha detto...

Tra parentesi, trattasi di auto aziendale. Che non si pensi in giro che sia mia.

Posta un commento

Lascia la tua verità