mercoledì 26 novembre 2008

Hillary e Bill in salsa postcomunista

In America hanno Bill e Hillary, noi non meno modestamente abbiamo l'Antonella e Uris.

Bill, 62 anni, capigliatura folta, amante del jogging, 2 volte presidente degli Stati Uniti. Sempre al fianco della compagna di vita e di partito Hillary nella di lei campagna elettorale per la medesima poltrona. Belli, brillanti, intelligenti, amati dai cittadini, e, nonostante tutto, immagine della coppia ideale (in grado di lavar via anche le macchie più ostinate). Sempre lì al centro dei giochi di potere, e incredibilmente, ancora molto stimati, dopo tanti anni. Anche dopo il sorpasso di Obama, affrontato da veri signori.

Noi a Reggio abbiamo l'Antonella e Uris, che non sono da meno. Lei detta "la zarina", 50 anni passati a lunghi tratti con la sigaretta in bocca e per 3 volte lider maxima di Reggio Emilia. Il suo lui è Uris, classe 1950, qualche anno e qualche capello in meno di Bill. Ex PCI di ferro, figlio di PCI di ferro, immagino. Ce lo dice il nome: Uris. Perchè i veri comunisti scelgono i nomi giusti per i loro figli ("niente nomi di santi da lunario", cit.). Un amore sbocciato forse nelle sezioni del Partito, ma mai ufficializzato con un matrimonio, roba da cattocomunisti moderati.

Uris, dopo 15 anni passati al timone della multyutility cittadina AGAC (poi Enia) come DG e AD, nel 2006 si è dimesso. Appena 8 mesi dopo le elezioni che hanno posto fine all'ultradecennale mandato da sindaco di Antonella. Strano come gira il mondo.

Oggi un altro pezzo di questo parallelismo in salsa emiliana si sta per aggiungere. Da più parti si dice che Uris, a qualche anno di distanza, si candiderà per prendere il posto che era della sua compagna. Proprio come Hillary e Bill.

Quello che non torna tanto è che la zarina pare avere adesso più amici a destra che a sinistra, nel suo attuale ruolo di presidente della fondazione bancaria cittadina, e che Uris, se si candiderà, sarà il candidato del blocco ex Democrazia Cristiana.

Questo è un po' meno da Bill e Hillary.


0 commenti:

Posta un commento

Lascia la tua verità