venerdì 14 agosto 2009

L'onda del vicino è sempre più verde

A Trafalgar Square, proprio davanti alla National Gallery, a Londra, a tutte le ore del giorno si trova un gruppo di iraniani, rappresentanti dell'associazione "Organization of women of March 8th", che distribuiscono volantini informativi sui disordini in Iran di questi ultimi mesi.

Dopo aver scambiato qualche battuta con un paio di loro, mi hanno spiegato che sono quasi tutti iraniani fuggiti dal loro paese quasi 30 anni fa, durante i primi anni della Repubblica Islamica. Insomma, gente con il dente avvelenato contro lil regime degli ayatollah da ben prima di queste elezioni, e forse fuori dal coro rispetto anche a chi sta protestando in Iran.

Ciò non toglie, anche se non sono da prendere come oro colato, che le opinioni di questo gruppo di esuli sono da leggere. In estrema sintesi sostengono che:
  • Moussavi negli anni '80 è stato il braccio armato del regime degli ayatollah, usato per imporre con la forza la Repubblica Islamica;
  • La famosa "Onda Verde" altro non è che una gigantesca misificazione messa in atto dai rappresentanti della fazione politica di Moussavi, che hanno legato il loro brand ai movimenti di piazza, che non sarebbero pro-Moussavi.
Di seguito alcuni passaggi del loro documento.

Su Moussavi:
purtroppo, Ahmadi Nejad non è l solo a minare lo spirito della gente. Dall'altra parte, anche Hossein Moussavi è impegnato a garantirsi la benevolenza dei mullah, salvaguardando il sistema islamico. Nei suoi recenti discorsi, ha infatti dichiarato che [...]: "occorre attenzione a non cadere nella trappola degli slogan contro il regime. Dovremmo convertirci all'Islam, il puro Islam introdotto da Maometto; dovremmo convertirci alla legge, alla costituzione". E ha esemplificato la stessa costituzione partendo dal presupposto che il popolo è come un gregge di pecore e il potere sacro è il pastore; commettendo di fatto discriminazioni religiose (tra sciiti e altre minoranze religiose).

Moussavi, negli anni '80, fu primo ministro e molto vicino a Khomeini; il suo governo fu strumentale nell'affermazione e nel consolidamento della Repubblica Islamica. Era chiamato il primo ministro dei massacri, prchè durante il suo mandato i prigionieri politici venivano giustiziati in massa [...].

Nel corso della campagna elettorale ha dichiarato: "il mio obiettivo è quello di tornare alle origini della Repubblica islamica così come dovrebbe essere"; ha sostenuto che il periodo migliore del sistema islamico era ai tempi di Khomeini, quando l'Iran era all'apice dello proprio sviluppo e della propria giustizia sociale.

Sull' Onda Verde:
Nele ultime settimane, quando giovani radicali erano impegnati nelle strade contro la forza della soppressione, i leader dell'Onda Verde erano nascosti al sicuro nelle loro case o nelle moschee.

Si stanno avvantaggiando della mancanza di conoscenza tra i giovani e l'opinione pubblica. Quasi ovunque hanno decorato i raduni e le dimostrazioni con striscioni verdi esageratamente vistosi, nella speranza di islamizzare la mente e le idee delle persone partecipanti. Hanno fermato, a volte molto duramente, l'uso di slogan anti-islamici.

La maggior parte degli occidentali non sa che il verde è il colore della parte sciita dell'Islam, un colore usato da una fazione contro l'altra.

Sul popolo della rete:
Il suporto alla battaglia del popolo iraniano non si sostiene esponendo una bandiera verde o colorando di verde una manifestazione. Si sostiene chiedendo insieme a loro: la separazione tra stato e religione; l'annullamento delle leggi discriminatorie nei confronti delle donne, dei movimenti sindacali e di altri diritti sociali; libertà di parola e di stampa; rilascio di tutti i prigionieri politici; eliminazione delle leggi discriminatorie contro le minoranze.

0 commenti:

Posta un commento

Lascia la tua verità