giovedì 29 dicembre 2011

Tesi 6 - Duke Nukem 2k12

«Ma l’occhialuto uomo inventa gli ordigni fuori del suo corpo e se c’è stata salute e nobiltà in chi li inventò, quasi sempre manca a chi li usa. [...] Quando i gas velenosi non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po’ più ammalato, ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie »

Partiamo da una parentesi. La terza guerra mondiale c'è già stata eccome. La cosiddetta guerra "fredda" tra Paesi Nato e Alleati della Russia non si è guadagnata il titolo di "mondiale" solo perché si è svolta in palcoscenici più periferici rispetto ai posti dove si scrivono i libri di storia.
Ma la serie di scontri foraggiati da un lato o dall'altro della cortina di ferro ha coinvolto ben più nazioni della seconda guerra mondiale, con un numero di vittime paragonabile forse a quello della prima. Solo per citare i conflitti più sanguinosi basti ricordare la guerra di Corea, la guerra di indipendenza dell'est-Pakistan, la rivoluzione cubana, l'invasione sovietica in Afganistan, la rivoluzione islamica in Iran e il seguente conflitto con l'Iraq, poi la guerra del golfo, le rivolte sedate nel sangue in Ungheria e Cecoslovacchia, le guerre per l'indipendenza degli stati dell'ex-Jugoslavia, la crisi di Suez e il conflitto israelo-palestinese, le decine di guerre civili in Africa con Nigeria, Angola e Mozambico in testa. E mancano ancora le guerre più cruente, quelle in Cambogia e Vietnam.

Detto questo, l'unica conseguenza logica al sovrappopolamento del pianeta e all'esaurimento delle risorse è una  sostanziale riduzione della popolazione mondiale attraverso la quarta guerra mondiale, unica via per rimettere la demografia mondiale sui binari della sostenibilità, una guerra per capirsi con almeno 2 miliardi di morti e che metta le basi future per un blocco delle nascite negli anni a venire.
Lo scenario più probabile sarà America+Eurasia contro Africa+Cina, con i paesi mediorientali a giocare il ruolo della posta in palio. Ma a prescindere dalle coalizioni, a causa delle tecnologie in campo è alta la probabilità che la situazione sfugga di mano e non ci sia nessun reale vincitore, ma solo l'orizzonte di un futuro postatomico come quelli visti in Ken il Guerriero o Mad Max.

Lo stesso Einstein, parlando delle prospettive di un nuovo conflitto mondiale diceva: "Io non so come sarà combattuta la terza guerra mondiale, ma ti posso dire che cosa useranno nella quarta: pietre!".

Insomma, meglio iniziare a leggere Limes e augurarsi che i cavalieri dell'Apocalisse arrivino prima dell'inizio della guerra.


0 commenti:

Posta un commento

Lascia la tua verità